sabato 7 maggio 2016

DeLillo5461

Tullio Pericoli Don DeLillo

.

Gli articoli più interessanti nelle pagine culturali dei quotidiani di sabato 7 maggio 2016

.

la repubblica

Antonio Monda Don DeLillo “Cerco di inventare, ma alla fine scrivo di me”. Il grande autore americano racconta il nuovo romanzo “Zero K” e le inquietudini del suo Paese. “I presidenti deludono sin dal giorno del loro insediamento. Ma guai a non sperare ancora”   [miur]

.

corriere della sera

Giorgio Montefoschi Faustus scende all’inferno. Esce per Mondadori il romanzo di Thomas Mann nella nuova traduzione di Luca Crescenzi. Il patto con il diavolo di un musicista sterile e follemente ambizioso nella tragedia tedesca del XX secolo  [corriere]

.

la stampa – tuttolibri

Alberto Mattioli “Per cambiare il mondo è meglio essere mancini o zoppi”. 29º Salone del Libro di Torino. Grandi ospiti. Michel Serres. “L’innovazione non segue mai sentieri diritti arriva improvvisa come un ladro nella notte”   [stampa]

.

il manifesto – alias

Lea Durante Antonio Gramsci, i giorni del carcere. Conversazione con Cecilia Mangini, regista e sceneggiatrice che alla fine degli anni ’60 lavorò con Lino Del Fra a tematiche politiche non allineate, con film che parlavano chiaro basati su documenti fino ad allora occultati   [manifesto]

.

Raffaele K. Salinari Archetipi dell’eternità.  Come sono stati definiti gli archetipi del tempo dalla filosofia greca e dal cristianesimo, fino all’epoca della rivoluzione russa, una breve storia che si affaccia nell’abisso dell’infinito  [manifesto]

.

il fatto

Silvia Truzzi “Vero, noi siamo grandi. Ma gli altri sono nani con enormi appetiti”. Intervista a Gian Arturo Ferrari.  Il vicepresidente di Mondadori libri per la prima volta parla di Rcs: “Non chiamateci Mondazzoli”    [treccani 7 maggio 2016]

.

il foglio

Annalena Benini La controrivoluzione. Storie di genitori alle prese con le occupazioni (e le vite e le canne) dei figli, non solo al liceo Virgilio a Roma. Per i quali è difficile accettare di non essere più i protagonisti  [foglio]

.

Guido Pescosolido Boom di guerra.  Il Primo conflitto mondiale fu il più grande scontro mai visto tra apparati economici e produttivi. L’Italia andò a ritmi “cinesi”

.

 Giulio Meotti Natalia va a Mosca. Memorie corte. Si celebra il centenario della Ginzburg, che scrisse pure “lotta di classe armiamo le masse” e della “straordinaria” Urss   [foglio]

 

Fabiana Giacomotti Evviva i batteri. Mettono d’accordo tutti: carnivori e vegani. La nouvelle vague dei micro organismi “buoni”, arbitri del gusto e della snellezza  [foglio]

sabato 7 maggio 2016

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...