sabato 12 dicembre 2015

debdb1928430576154ad4b8e1f06988d

Henri Matisse  Le lettrice in abito viola

.

Gli articoli più interessanti nelle pagine culturali dei quotidiani di sabato 12 dicembre 2015

.

la repubblica

→ Concetto Vecchio Ho fatto pace con papà Dürrenmatt. A 25 anni dalla morte la figlia Ruth ricorda l’autore svizzero. “Era sigillato nel suo mondo ma adesso l’ho capito”

2902c1dd9c6b6eef935b6f95d006561a_w240_h_mw_mh_cs_cx_cy

.

⇒ Alberto Arbasino  Balthus e l’enigma dei gatti sorridenti. La mostra di Roma svela alcuni misteri del pittore e rinnova molte memorie. Mentre Gadda rilegge Ugo Foscolo e lo giudica poco accattivante

 

.

Fabrizio D’Amico Matisse. Le stagioni di un maestro che giocava con il colore. A Palazzo Chiablese di Torino le opere del genio fauve incontrano Picasso e i suoi contemporanei

.

corriere della sera

Giuseppe Galasso La storia non si fa col calendario. Nel valutare lo spessore degli eventi la durata lunga o breve è un criterio molto debole

.

Severino Colombo. Il romanzo di Claudio Magris è il libro dell’anno de «la Lettura». Nel supplemento in edicola domani si parla di tecnica, Brexit, videogiochi e legal thriller

.

Giovanni Montanaro I voli di Matisse. Il carosello di vite dell’artista che fu capace di trasformare ogni dolore in una resurrezione. A Torino un’esposizione accosta il viaggio umano e estetico del pittore francese a quello di altri maestri del tempo, come Miró o Derain. Uno scrittore racconta un momento drammatico della sua esistenza. E il coraggio di ripartire

.

Roberta Scorranese Il duello al sole con Picasso. La regia è di Gertrude Stein

.

la stampa – tuttolibri

Joe. R. Landsale Nel Texas selvaggio serve un detective gay, Hap e Leonard tra i motociclisti nazi. Perché è nato Leonard, nero omosessuale di destra che indaga con Hap, donnaiolo che protestava per il Vietnam [stampa]

.

Andrea Cortellessa È dagli Anni Ottanta che Zeichen insegue la sumera misteriosa. Il primo romanzo (uscì nell’83) torna camuffato con un nuovo capitolo (e una morte improvvisa)

.

→ Maurizio Cucchi Mania dell’eterno, la poesia verticale di Rebora. Dalla Grande Guerra alla conversione, all’infermità: la singolarissima avventura di una grande anima. Tutte le sue opere in un Meridiano

.

il manifesto

→ Claudio Vercelli Il giacobino fedele a se stesso. Fu uno dei maggiori «becchini» dell’Ancien Régime. Coltivò e impose una intransigente morale pubblica, ma in molte occasioni contenne il Terrore contro l’aristocrazia, rimanendo però travolto dalle stesse dinamiche da lui avviate. «Robespierre. Una vita rivoluzionaria» dello storico Peter McPhee per il Saggiatore   [manifesto]

Robespierre.

Fabio Francione Tra le galassie e oltre: i celebri romanzi di Urania. Il racconto della grande avventura nel libro di Giuseppe Lippi «Futuro alla Gola. Una storia di «Urania» dagli anni Cinquanta al XXI secolo»  [manifesto]

.

Virginia Tonfoni e Andrea Voglino Fumetti per l’anno che verrà. Quindici fumetti da non perdere   [manifesto]

.

il fatto

⇒ Gianni Vattimo  Non basta un Quaderno nero per liquidare Heidegger [unipi] 

Heidegger_Quadeni_neri

.

il foglio

→ Antonio Pascale L’illusione che esista ciò che in natura non esiste: l’investimento sicuro. Esistono per davvero i guru del mercato? Quelli in grado di azzeccare se non tutte molte delle previsioni? E farlo per più anni di fila? [foglio]

.

Stefano Cingolani La Francia di mezzo. Né austerità né riforme. Il paese di Hollande vive una crisi di identità. Come l’economia. Una situazione ideale per le Le Pen  [foglio]

Mattia Ferraresi Il terrore secondo Obama. Perché il presidente è convinto di potere battere l’ideologia islamista senza sporcarsi le mani 

.

→ Alessandro Giuli Quel gran fico dell’Eugenio. Lo Zibaldone di Scalfari, Fondatore per eccellenza e leopardiano per necessità nell’èra di Renzi (e Calabresi)    [foglio]

.

Giuseppe Marcenaro Tutti cortigiani. Ovunque vi sia un re, un capo o un padrone, là vi saranno anche servili arrampicatori. Un manuale e la lezione del Castiglione 

.

il giornale

Francesco Perfetti  Così il regime fascista diede voce (politica) alla piccola borghesia. Le interpretazioni «eretiche» di Renzo De Felice. I ceti medi emergenti non avevano mai avuto una vera rappresentanza: ci pensò Mussolini a fornirgliela  [giornale]

sabato 12 dicembre 2015

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...