domenica 15 novembre 2015: corriere della sera – la lettura

adb985a4ae27ada0d3aa8210cc833c25

.

Gli articoli più interessanti nelle pagine culturali dei quotidiani di domenica 15 novembre 2015:

corriere della sera

Paolo Mieli Il tempo perduto. La lezione da apprendere del teatro Bataclan. Dopo l’attentato a «Charlie Hebdo», compiuto undici mesi fa, ci furono due settimane di lutto e poi ogni cosa tornò come prima. E nell’affrontare il problema dell’islamismo radicale spesso prevale ancora il «politicamente corretto»  [moked]

.

Claudio Magris Quel complesso di colpa che ispira l’equivoco buonista. La violenza va repressa con la violenza ma anche, e sperabilmente, esorcizzata con l’insegnamento del rispetto reciproco, instillando la banale ma sacrosanta verità che dire Dio anziché Allah o viceversa non può offendere nessuno   [treccani]

.

Carlo Bertelli Amori e cavalieri, Medioevo sui muri. Lancillotto, Tristano e gli artisti che li hanno raffigurati nel libro (Einaudi) della filologa Maria Luisa Meneghetti. Dal Trecento le immagini degli eroi cortesi riempiono chiese, palazzi, castelli. E scalzano i santi

.

corriere della sera – la lettura

.

Antonio Carioti e Cristina Taglietti «A questa Europa manca un sequel. Invito i narratori del continente a pensare un futuro possibile». Intervista a Alessandro Baricco

.

⇒ Carlo Rovelli Nell’occhio del mostro. Prima della fine del decennio potremo vedere «da vicino» un oggetto senza paragoni. Sagittarius A* è un buco nero lontano 26 mila anni luce: la sua massa è 4 milioni di stelle, la taglia mille volte la Terra. I radiotelescopi del mondo si uniscono per osservarlo  [unipi]

.

Amedeo Feniello Il mito di Sant’Ambrogio. Fu Agostino d’Ippona a fare del suo maestro un simbolo destinato ad assumere vari significati spirituali e politici. Padre della Chiesa e difensore della libertà di Milano: i due volti del vescovo che s’imponeva agli imperatori. Chi lo diffamava dopo morto correva grossi rischi

.

Roberto Galaverni Nessuno è un’isola, neanche Walcott. Tradotta una delle raccolte più felici del Premio Nobel caraibico. Che si apre al mondo e allarga ulteriormente i suoi orizzonti: il nemico, qui, è metafisico. Derek Walcott Egrette bianche Traduzione di Matteo Campagnoli Adelphi Pagine 195, € 19

cab5930e93d1e32067c42c96ae18d6f1_w240_h_mw_mh_cs_cx_cy

Alessandra Iadicicco Pellegrinaggio tra gli amici di una vita. Cees Nooteboom ha visitato le tombe di poeti e pensatori in ogni continente. E scambiato qualche parola con loro

.

Alberto Cavaglion I dannati del gergo: una lingua senza sole. Gli studi di Lombroso sui commessi torinesi

.
.

Severino Colombo Un po’ di disordine ci salverà. Anne Marie Canda (uno pseudonimo) risponde al bestseller di Marie Kondo («consulente domestica»). Parola agli studiosi

.

Paolo Giordano Il terremoto immobile. In rovina e senza carburante il Nepal attende una remota rinascita. A quasi sette mesi dal catastrofico sisma nel Paese himalayano la ricostruzione non è ancora cominciata, le difficoltà sono moltiplicate dalla scarsità dei rifornimenti e la popolazione scivola nell’indolenza

domenica 15 novembre 2015: corriere della sera – la lettura

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...