martedì 20 ottobre 2015

Wes-Anderson-e-Donna-Tartt

Donna Tartt e Wes Anderson alla Festa del Cinema di Roma

.

Gli articoli più interessanti nelle pagine culturali dei quotidiani di martedì 20 ottobre 2015

.

la repubblica

Stefano Benni Lettera alla civiltà aliena del pianeta Terra. “Siamo i Prubelli e vi spieghiamo di cosa pulsa la nostra luce”  [miur]

.

Guido Ceronetti Breve elogio del manoscritto (a macchina)  [miur]

.

Marino Niola Ecco perché tutto il mondo dice mamma (e papà). Dall’inglese al turco e dal russo all’hindi le parole per indicare i genitori sono l’eccezione alla babele universale. Più che vocaboli veri e propri balbettii ritmici simili a un canto Ambedue termini sono composti da vocali e consonanti facili e “a portata di voce”

.

Melania Mazzucco Gender l’inganno perfetto. Così una parola neutra diventa simbolo delle nostre paure: il saggio di Michela Marzano

.

Stefania Parmeggiani Wes Anderson Donna Tartt. Tra Zweig e Pasolini i libri sono i sottotitoli del film della vita. Medea, Dante, De Sica, Fellini. L’autrice del “Cardellino” e il regista di “Grand Budapest Hotel” alla Festa del cinema di Roma raccontano i loro amori letterari e del grande schermo

.

Concetto Vecchio Le armi di uno storico contro le manipolazioni. Paolo Mieli, L’arma della memoria. Contro la reinvenzione del passato (Rizzoli, pagg. 432, euro 20)

.

corriere della sera

Pierluigi Panza Benvenuti nella società delle icone. Hans Belting: «Il culto delle immagini oggi pervade ogni cosa. E cancella i testi»     [treccani]

.

Luciano Canfora Le rivelazioni nel libro di Giorgio Fabre (Sellerio). Liberare Gramsci: i tentativi sovietici e tutti gli errori del Partito comunista. I compagni italiani dimostrarono in questa vicenda leggerezza e cinismo     [treccani]

5647-3

.

la stampa

Marco Belpoliti La rivoluzione piccola piccola. In forma di storytelling, Mark Miodownik racconta il mondo delle nanotecnologie destinate a cambiare a fondo le nostre vite

.

Michela Tamburrino Donna Tartt-Wes Anderson: a che film giochiamo? La scrittrice del Cardellino e il regista di Grand Budapest Hotel a confronto alla Festa del Cinema di Roma: tanta Italia nelle loro scelte di cinefili

.

il manifesto

Carlo Galli L’avventurismo del senso comune. Il nuovo libro di Michele Prospero. Il «populismo mite» del potere è la cifra ideologica del capo. Che non è solo un produttore di annunci, ma un fattore di stabilità. Michele Pro­spero Il nuo­vi­smo rea­liz­zato. L’antipolitica dalla Bolo­gnina alla Leo­polda, Roma, Bor­deaux, 2015, pp. 418, euro 26  [manifesto]

Prospero-Piatto-Cornice1-201x300
.

Guido Caldiron Un romanzo che va oltre il conflitto. Lo scrittore israeliano Eshkol Nevo, il cui ultimo romanzo «Soli e perduti» è uscito per Neri Pozza, racconta la sua letteratura impegnata ad abbattere gli stereotipi di «due popoli due nemici»  [manifesto]

soli_e_perduti_02_2_.

il fatto

Stefano Feltri “Dopo lo scoop sulle torture, Bush mi ha distrutta”. Intervista a Mary Mapes. Rivelò l’inferno di Abu Ghraib e come l’ex presidente schivò il Vietnam nel 1968

.

l’unità

Biagio De Giovanni Berlinguer. Ha vinto o è stato sconfitto?  [miur]

.

il foglio

Luca Gambardella Matrimoni con il drone. Storia di tre cerimonie nuziali in Yemen diventate per errore obiettivi da colpire. Ecco la nemesi della presunta “guerra pulita” e “dall’alto” così cara all’America di Obama. Perché servono i boots on the ground [foglio]

.

libero

Francesco Borgonovo Il testamento di Charb: «Ridete di tutto e di tutti». Il fu direttore di «Charlie Hebdo», ucciso dai fratelli Kouachi, lascia in un libro postumo il suo messaggio almondo: non bisogna aver paura perché gli estremisti musulmani si nutrono di essa

.

Vito Punzi L’arte secondo Yeats. Rivelazioni e visioni sulle orme di Blake. W. B. Yeats: L’artificio dell’eternità. Saggi sull’arte, Medusa, pp. 222, euro 19,50

.

il giornale

Andrea Caterini La misericordia e l’impegno del Savonarola. Le «Rime»

.

Giancristiano Desiderio Il credo liberale di Berlin contro la tirannia delle idee. «Un messaggio al Ventunesimo secolo». La convinzione che i conflitti si possano superare e tutti i valori umani siano conciliabili è falsa. Ed è la base dei totalitarismi del Novecento  [giornale]

martedì 20 ottobre 2015

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...